Humphrey Bogart

Humphrey BogartHumphrey Bogart nacque il giorno di Natale del 1899, da una famiglia agiata di origine britannica, olandese e spagnola: suo padre Belmont De Forest Bogart è un noto chirurgo, la madre Maud Humphrey è una disegnatrice pubblicitaria. A poco più di un anno di età sarà l’inconsapevole modello di un ritratto che la madre riesce a vendere alla Mellin per una campagna di prodotti dietetici per bambini. L’infanzia dorata, trascorsa senza episodi significativi nella elegante casa dell’Upper West Side di Manhattan insieme alle due sorelline minori, non fa presagire l’adolescente ribelle e intollerante che diverrà qualche anno più tardi.

Dopo il diploma delle inferiori alla Trinity Grammar School, si iscrive alla Philips Academy di Andover nel Massachusetts, dove tutti sperano si prepari ad affrontare la vita universitaria, magari a Yale. Ma Humphrey delude le aspettative dei suoi guadagnandosi dopo pochi mesi un’espulsione per indisciplina, al che decide di arruolarsi volontario in marina, appena dopo l’entrata degli Stati Uniti nel conflitto mondiale. Al periodo del servizio militare sembra risalire l’incidente che gli provocherà la cicatrice al labbro superiore, che costituirà il suo celebre segno distintivo. Le circostanze in cui si ferisce sono controverse e anche in questo caso, come nel caso della doppia data di nascita o dell’espulsione dal college, è difficile distinguere la verità dalle astute contraffazioni degli addetti stampa delle major, il cui compito è quello di aggiungere un alone romantico alla figura del divo di turno.
Terminato il servizio militare, un amico d’infanzia, figlio di un produttore teatrale, gli procura dei lavori dietro le quinte dei palcoscenici di Brooklyn. Di qui a recitare le prime battute sulla scena non passa molto tempo, e nel 1921 ottiene il primo ruolo da professionista. Tra il 1922 e il 1929 recita in ben ventuno produzioni di Broadway, interpretando generalmente ruoli da giovane sfrontato e scansafatiche. Sulla scena conosce Helen Menken, che nel 1926 diventa sua moglie. Il matrimonio, abbastanza burrascoso per i frequenti litigi, dura solo un anno, anche se i due rimangono amici. Subito dopo si lega a un’altra giovane collega, Mary Philips, che sposa nel 1928. Anche questa unione non avrà vita facile: il caratterino di Mary emerge quando, arrestata per ubriachezza molesta, stacca il dito di un poliziotto con un morso.

Nei primi anni trenta viene notato da alcuni agenti della Fox con i quali si impegna per sei film. Questa prima esperienza a Hollywood lo delude, anche se la paga è interessante, e Bogart decide di tornare a recitare a Broadway, dove fra l’altro aveva stretto una grande amicizia con Spencer Tracy, un professionista che stimerà sempre. Tra il 1932 e il 1935 partecipa ad altre sette produzioni teatrali, l’ultima delle quali è La foresta pietrificata di Robert E. Sherwood. Gli viene assegnata la parte di Duke Mantee, pericoloso killer evaso, mentre la parte del protagonista va all’amico Leslie Howard. Leslie sa che il successo del lavoro dipende in gran parte da Bogart (ci saranno ben 197 repliche) e promette all’amico di aiutarlo ad ottenere lo stesso ruolo nell’eventuale versione cinematografica.

Riguardo a Pieru

Pierluigi Ferrara ha lavorato come project manager per ZeroDelta. Oltre all'amore per il cinema con Daniele condivide alcuni progetti web in una collaborazione ormai rodata negli anni. Si è finalmente deciso a mettere a posto il suo sito personale Pieru+.

Speak Your Mind

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.