L’uomo della croce

luomodellacroce

Siamo nel 1942 e l’esercito Italiano è impegnato nella campagna di Russia. Il protagonista del film, l’uomo della croce, è il cappellano militare del reparto (il film è dedicato dal regista, Roberto Rossellini a tutti i cappellani militari della Seconda Guerra Mondiale).

Un reparto di carri armati dopo uno scontro con il nemico riceve l’ordine di spostarsi. Uno dei carristi, ferito, non può essere spostato e deve essere lasciato al suo destino. Il cappellano decide di rimanere con lui e i due vengono presi prigionieri dai Russi.

Dopo una prima fuga si rifugiano in una capanna, affollata di donne e bambini. Di nuovo arrivano i Russi e si scatena una battaglia, proprio contro i reparti italiani, con la casa sottoposta al fuoco.

L’eroico cappellano, al prezzo della vita, riesce a portare i salvo i feriti, le donne e i bambini.

Tipico esempio della propaganda italiana il film tende a presentare il lato umano dei soldati in guerra. L’eroismo sta nel salvare le persone non tanto nello sconfiggere i nemici. Con tutto il rispetto per Rossellini è un film poco più che mediocre, con qualche scene strappalacrime e tutti i costi e molta poca sostanza, molto poco interessante.

Riguardo a Pieru

Pierluigi Ferrara ha lavorato come project manager per ZeroDelta. Oltre all'amore per il cinema con Daniele condivide alcuni progetti web in una collaborazione ormai rodata negli anni. Si è finalmente deciso a mettere a posto il suo sito personale Pieru+.

Speak Your Mind

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.