Image default
Drammatico

Alaska

Fausto e Nadine si incontrano casualmente sulla terrazza di un albergo di lusso di Parigi. Lui è italiano, fa il cameriere e sogna di diventare maître. Lei è francese, partecipa ad un “casting” per modelle, ma a soli 20 anni è già molto disincantata. Lui se ne innamora a prima vista e per lei commette una leggerezza che non solo gli costa il posto di lavoro, ma a seguito di una reazione violenta, lo fa finire in carcere per due anni. Durante la detenzione il suo pensiero va sempre a lei, cui scrive ogni settimana, senza avere risposta. Con sorpresa però, all’uscita dal carcere, Fausto la trova ad attenderlo. Lei, che aveva superato il casting tenuto all’hotel, è ora una modella di successo e, vivendo a Milano, ha imparato a parlare anche in italiano. I due sembrano non avere più nulla in comune, ma l’iniziale distanza si stempera presto in un’intesa che va ben oltre la semplice attrazione fisica.

Fausto va a stare da Nadine a Milano e, conosciuto ad una festa l’eccentrico Sandro, fiuta una grande opportunità nel mettersi in società con questo per aprire una discoteca. Sulle ali dell’entusiasmo, impegna in questa impresa una cospicua parte dei risparmi di Nadine senza che lei inizialmente lo sappia. Quando ciò le viene detto direttamente da Fausto, lei si adira moltissimo. Durante una lite in auto tra i due, a causa di una distrazione, lei è vittima di un terribile incidente. Dopo una lunga degenza, ha grandi problemi ad una gamba e vede la sua carriera di modella fatalmente compromessa. Nuovamente, alla grande sfortuna di uno corrisponde la grande fortuna dell’altro. Fausto infatti raccoglie i successi della discoteca aperta con Sandro, l’Alaska, ed è ormai un personaggio del “bel mondo” milanese.

Resiste alla tentazione di gettarsi tra le braccia della facoltosissima Francesca, mentre Nadine, esasperata da un misto di gelosia e sofferenza psico-fisica, trova sfogo proprio in un tradimento occasionale che causa la rottura del rapporto con il suo compagno. Più tardi Nadine si ristabilisce e trova lavoro come barista, mentre Fausto, che ha ceduto alla corte di Francesca, ha accettato di dirigere un hotel di lusso di proprietà del futuro suocero milionario. Sandro, abbandonato da Fausto, vende l’Alaska e in poco tempo si gioca tutto e, solo e disperato, si suicida. La tragedia del comune amico riavvicina Nadine a Fausto che, alla vigilia del matrimonio con Francesca, non se la sente però di buttare tutto all’aria e non ha il coraggio di accettare la proposta della ragazza che ama, che vuole tornarsene in Francia, insieme a lui.

Nadine allora decide di partire da sola. L’ultimo giorno di lavoro da barista, però, sottrae diecimila Euro al suo datore di lavoro che nel retro del bar spacciava droga. Rintracciata a casa dallo stesso datore, reagisce all’aggressione molto violenta di lui, uccidendolo. Sotto choc, è raggiunta da Fausto che nel frattempo si è reso conto che carriera e denaro non potranno mai colmare la mancanza di Nadine. Stavolta è lei a finire in carcere e lui attenderà che esca andandola a trovare tutte le settimane e promettendole di sposarla.

Articoli correlati

Roma

Pieru

Viaggio a Tokyo

Pieru

Barriere

Michele De Candia

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.