Cogan – Killing Them Softly

Killing Them Softly

Jackie Cogan è un killer dai modi rudi e violenti che viene assoldato dalla mafia per indagare su una rapina messa in atto durante una segreta partita di poker organizzata da Markie Trattman, a cui partecipavano solo i nomi più importanti della malavita. Il compito di Cogan sarà quello di trovare chi ha commesso il furto, punire i colpevoli e riconsegnare il bottino ai membri dell’associazione criminale.

Regista e sceneggiatore hanno cercato di far passare un messaggio che io non sono riuscito a capire. Nel corso del film sullo sfondo più volte vengono mestrati messaggi in cui si evidenzia lo stato di crisi del paese, con particolare riferimento all’economia. Alla televisione, alla radio, con i messaggi del presidente e i commenti della gente, la crisi resta sullo sfondo ed è sempre presente ma non sono riuscito a capire cosa intendessero dire. Secondo un mio amico (la cui competenza in fatto di cinema è indiscutibile) il messaggio è che banchieri e politici non sono meno criminali degli assassini e dei rapinatori di strada, hanno solo modi di fare e vestiti diversi. Io ho avuto la sensazione invece che si volesse evidenziare un rapporto causa-effetto tra la crisi e la criminalità, più povertà fa aumentare la criminalità.

Voi avete capito qualcosa di questo messaggio?

Riguardo a Pieru

Pierluigi Ferrara ha lavorato come project manager per ZeroDelta. Oltre all'amore per il cinema con Daniele condivide alcuni progetti web in una collaborazione ormai rodata negli anni. Si è finalmente deciso a mettere a posto il suo sito personale Pieru+.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.