Oscar 2019

La 91ª edizione della cerimonia degli Oscar si è tenuta al Dolby Theatre di Los Angeles il 24 febbraio 2019. Per la prima volta dopo 30 anni, la cerimonia non ha avuto alcun presentatore ufficiale, dopo la rinuncia di Kevin Hart in seguito alle polemiche generatesi per via di alcune frasi omofobe che l’attore aveva pubblicato su Twitter nove anni prima.

Le candidature sono state annunciate il 22 gennaio 2019 dagli attori Kumail Nanjiani e Tracee Ellis Ross. I film che hanno totalizzato più candidature sono a pari merito Roma di Alfonso Cuarón e La favorita di Yorgos Lanthimos con 10 candidature a testa, seguiti da A Star Is Born e Vice – L’uomo nell’ombra con 8 candidature ciascuno.

Il film che si è aggiudicato il maggior numero di statuette è stato Bohemian Rhapsody, con un totale di 4 premi ricevuti, seguito da Roma, Green Book (che ha vinto il premio per il miglior film) e Black Panther, con 3 statuette ciascuno.

Non si tratta di una notizia fresca, ci accorgiamo soltanto ora di non aver pubblicato l’elenco dei premiati di quest’anno e rimediamo oggi.

Miglior film: Green Book – Jim Burke, Charles B. Wessler, Brian Currie, Peter Farrelly e Nick Vallelonga
Migliore regia: Alfonso Cuarón – Roma
Migliore attore protagonista: Rami Malek – Bohemian Rhapsody
Migliore attrice protagonista: Olivia Colman – La favorita (The Favourite)
Migliore attore non protagonista: Mahershala Ali – Green Book
Migliore attrice non protagonista: Regina King – Se la strada potesse parlare (If Beale Street Could Talk)
Migliore sceneggiatura originale: Nick Vallelonga, Brian Currie e Peter Farrelly – Green Book
Migliore sceneggiatura non originale: Charlie Wachtel, David Rabinowitz, Kevin Willmott e Spike Lee – BlacKkKlansman
Miglior film straniero: Roma, regia di Alfonso Cuarón (Messico)
Miglior film d’animazione: Spider-Man – Un nuovo universo (Spider-Man: Into the Spider-Verse), regia di Bob Persichetti, Peter Ramsey e Rodney Rothman
Migliore fotografia: Alfonso Cuarón – Roma
Migliore scenografia: Hannah Beachler e Jay Hart – Black Panther
Miglior montaggio: John Ottman – Bohemian Rhapsody
Migliore colonna sonora: Ludwig Göransson – Black Panther
Migliore canzone: Shallow (musica e testi di Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando e Andrew Wyatt) – A Star Is Born
Migliori effetti speciali: Paul Lambert, Ian Hunter, Tristan Myles e J. D. Schwalm – First Man – Il primo uomo (First Man)
Miglior sonoro: Paul Massey, Tim Cavagin e John Casali – Bohemian Rhapsody
Miglior montaggio sonoro: John Warhurst e Nina Hartstone – Bohemian Rhapsody
Migliori costumi: Ruth Carter – Black Panther
Miglior trucco e acconciatura: Greg Cannom, Kate Biscoe e Patricia Dehaney – Vice – L’uomo nell’ombra (Vice)
Miglior documentario: Free Solo, regia di Jimmy Chin e Elizabeth Chai Vasarhelyi
Miglior cortometraggio documentario: Period. End of Sentence., regia di Rayka Zehtabchi
Miglior cortometraggio: Skin, regia di Guy Nattiv
Miglior cortometraggio d’animazione: Bao, regia di Domee Shi

Premi speciali
Oscar onorario: Cicely Tyson
Premio alla memoria Irving G. Thalberg

Riguardo a Pieru

Pierluigi Ferrara ha lavorato come project manager per ZeroDelta. Oltre all'amore per il cinema con Daniele condivide alcuni progetti web in una collaborazione ormai rodata negli anni. Si è finalmente deciso a mettere a posto il suo sito personale Pieru+.

Speak Your Mind

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.